Le Cicladi meno turistiche sono perfette da scoprire in barca a vela

31 maggio 2018

In barca a vela è possibile vivere appieno le Cicladi meno turistiche

Quali isole ti vengono in mente in mente quando senti nominare le Cicladi? Esatto: Santorini, Mykonos e Ios. Il problema è che sono esattamente le stesse isole che vengono in mente alla maggior parte dei turisti di tutto il mondo, quando si parla di Grecia.

Certo, queste isole sono davvero abbaglianti nella loro bellezza, e se sono così conosciute c’è certamente un motivo. Ma se sei un amante della pace e cerchi un luogo di vacanza incontaminato e poco turistico, potresti pensare che le Cicladi non facciano per te.

Nulla di più sbagliato. L’arcipelago delle Cicladi è composto da una miriade di isole di tutte le dimensioni, per la precisione 220! Mentre alcune sono poco più che suggestivi scogli disabitati, molte di loro sfoggiano pittoreschi villaggi bianchi e paesini arroccati, che poco hanno da invidiare alle più conosciute che abbiamo nominato poco sopra. Andare alla scoperta delle Cicladi meno turistiche quindi può essere il modo perfetto per  vedere posti unici e meno turistici, apprezzando tutto il fascino di questi luoghi bellissimi da una prospettiva privilegiata. Ma quali sono le Cicladi meno turistiche, e come si raggiungono?

Le Cicladi meno turistiche sono tali per un buon motivo

Come accade in ogni luogo al mondo, alcune località sono più famose e conosciute non tanto perché siano più belle di altri luoghi a pochi chilometri di distanza, ma perché sono più comode e facili da raggiungere per il turismo di massa. Se a Santorini e Mykonos atterrano continuamente aerei carichi di turisti, ci sono altre isole, le Cicladi meno turistiche appunto, che sono una meta un po’ più difficile da raggiungere.

Alcune sono abitate praticamente solo d’estate e sono talmente selvagge da avere a malapena una banca, qualche ristorante e case di locali per alloggiare (hotel no, questi spesso non ci sono). Altre sono più grandi e strutturate per l’accoglienza turistica, ma il fatto di non avere un aeroporto e di doverle raggiungere con uno o più traghetti le lascia comunque al riparo dal grosso dei turisti che si riversano nelle isole greche ogni estate.

Se cerchi mare cristallino, persone cordiali e autentiche, villaggi bianchi persi nel tempo e pochi turisti, è qui che devi fare rotta. Ma come? Dato che non è così facile raggiungerle e ancora meno girare tra loro, il modo migliore è scoprirle in barca a vela.

Perché le Cicladi meno turistiche vanno scoperte in barca a vela

Una vacanza in barca a vela assicura alcuni vantaggi innegabili, soprattutto quando si tratta di andare in esplorazione di luoghi poco conosciuti come le Cicladi meno turistiche.

In primis, la possibilità di spostarsi liberamente, seguendo il vento, il tipico Meltemi che soffia in estate in queste zone, e che assicura grandi veleggiate quasi costantemente. Poche miglia separano queste isole, per cui con qualche ora di navigazione si riesce a passare da una all’altra, cambiando paesaggio e località ma con la costante di quel mare straordinariamente blu e limpido che bagna queste terre!

In più, esplorare queste isole in barca a vela permette di scoprire anche le Cicladi meno turistiche per davvero: quelle disabitate o con villaggi talmente piccoli che i normali traghetti turistici non vi fanno rotta. In barca a vela è facile trovare una caletta nascosta raggiungibile solo dal mare, magari tutta per voi, e fermarsi per la notte a godere della pace e del silenzio.

Si può scendere a terra con il tender, il gommone in dotazione ad ogni barca, ed esplorare liberamente luoghi dimenticati dal resto del mondo, dove l’unica impronta umana è spesso qualche vecchio rudere abbandonato. Niente di meglio per sentirsi un novello Robinson Crusoe e staccare completamente la spina!

In una settimana o anche meno è possibile visitare molte delle Cicladi meno turistiche, cosa che sarebbe molto difficile durante qualsiasi altro tipo di vacanza perchè bisognerebbe spostarsi in traghetto, trovare dove dormire e organizzare molti più dettagli.

Ma quali delle Cicladi meno turistiche si dovrebbero scoprire in barca a vela

Quali isole delle Cicladi visitare in barca a vela?

Koufonissia

Poco distante da Naxos e da Ios, è spesso snobbata dai turisti in favore delle sue vicine più famose. Fa parte delle Piccole Cicladi, gioiellini incastonati nel mare azzurro caratterizzati da un turismo molto minore. Si tratta di due isole distinte, Kato Koufonisi (abitata solo da un pastore e dalle sue greggi), e Ano Koufonisi, dove si trova la Chora, l’unico centro abitato! La principale strada asfaltata dell’isola porta alle spiagge più frequentate, che in barca è possibile ammirare in lontananza mentre ci si dirige alla scoperta delle calette nascoste e meno conosciute. È una delle mete scelte da Lorenzo e Annalisa per la loro vacanza a luglio, e un esempio di cosa si può trovare alle Cicladi appena si esce dai percorsi più battuti.

Amorgos

Molto più grande e ricca di attrazioni della precedente, rimane comunque una delle Cicladi meno turistiche a parità di bellezza, per quanto riguarda paesaggi e paesi, con le sorelle più celebri. La Chora è spesso dipinta come una delle più belle delle Cicladi, e si possono raggiungere a piedi o a dorso d’asino alcuni minuscoli paesini davvero autentici. Luca fa rotta anche qui a inizio settembre, per scoprire la bellezza del monastero di Hozoviotissa a strapiombo sul blu, e per esplorare le tante baiette raggiungibili solo dal mare.

Sifnos

Situata nelle Cicladi occidentali, quest’isola offre qualcosa per tutti, a terra e dal mare. Sarà perché c’è una candida chiesetta da scoprire per ogni giorno dell’anno (eh sì, sono circa 365), o per i 70km di coste frastagliate che creano una miriade di baie e baiette da esplorare in barca a vela. O forse per il fatto che ancora relativamente pochi turisti ci si recano, nonostante la sua bellezza. Bisognerà chiederlo a Orlando, che ci va con la sua barca a luglio!

Iraklia

Se cerchi una vita selvaggia e spartana, qui la puoi davvero trovare. Solo un centinaio di abitanti abitano quest’isola splendida e incontaminata…talmente incontaminata che non ci sono né banche né benzinai né hotel. Sì esatto: se non sono le Cicladi meno turistiche queste! E se non ti piace l’idea di soggiornare a casa di una famiglia di pescatori locale e preferiresti avere i tuoi spazi…detto fatto, basta imbarcarsi con Daniele sul suo splendido catamarano, che per due settimane ad agosto navigherà tra le Cicladi meno turistiche con tutto il comfort di una barca come questa.

Il bello dello scoprire le Cicladi meno turistiche in barca a vela è proprio che, alla fine, non è necessario scegliere una o l’altra isola: quando fai una vacanza in barca a vela spesso non ti rendi nemmeno conto di essere in un posto turistico e in alta stagione! In poche ore di navigazione potresti passare dai party di Mykonos alla pace di Iraklia…dipende solo da te e dal resto dell’equipaggio!

 

Sei curioso di scoprire le Cicladi meno turistiche in barca a vela? Scopri tutte le nostre proposte.